Un museo non è un luna park…

Museo e luna park

Mentre in questi giorni spopolano i commenti sulle affermazioni del nuovo ministro dei beni Culturali Alberto Bonisoli riguardo alla decisione di togliere la domenica gratuita obbligatoria nei musei statali e farla diventare facoltativa a discrezione di ogni direttore, attendiamo che le dichiarazioni si trasformino in provvedimenti scritti, ma inoltre ci sorge spontanea una constatazione: i musei non sono luna park.

Purtroppo, o per fortuna, (dipende dai punti di vista… per Paese Cultura è per fortuna) il museo non potrà mai essere avvicinato, nemmeno lontanamente, ad un luna park.

Il luna park è un luogo di svago, dove passare qualche oretta spensierata e piacevole, magari provando nuove emozioni nella ultima innovativa attrazione o nelle classiche “montagne russe”. E per questo effetto ludico, tutto sommato e con i debiti parallelismi da calibrare, il confronto potrebbe anche essere accennato… Anche il museo è un luogo dove si cerca il piacere di passare il tempo provando nuove emozioni ed esperienze.

Ma la similitudine finisce qui, sul nascere di una ricerca di piacere, un piacere che però rimane inevitabilmente diverso, tanto superficiale, a-culturale e collettivo nel luna park, tanto profondo, intimo, culturale nel museo.

Il luna park ti attira e ti sorprende con le sue luci, musiche, effetti speciali, attrazioni varie… il museo no.

Il luna park si rinnova per sorprendere sempre di più con nuove attrazioni sempre più tecnologiche… il museo no.

Il luna park cerca di richiamare folle sempre maggiori per aumentare così gli incassi… il museo no.

Il luna park è soltanto divertimento puro e semplice, istintivo… il museo no.

Per dire cosa è un museo, quando è nato, come si è evoluto, che ruolo ha avuto e ha oggi, sono stati scritti tanti libri e si tengono esami universitari a riguardo. Qui ci limitiamo semplicemente a dire che…

Il museo è uno spazio espositivo dedicato alle opere d’arte, a reperti archeologici, a qualsivoglia oggetto e manufatto degno di interesse storico, artistico e culturale.

Il museo è uno spazio estremamente delicato perché deve garantire la conservazione, prima ancora della fruizione, degli oggetti in esso contenuti.

Il museo non ha come obbiettivo principale quello di richiamare visitatori sempre maggiori e incrementare gli incassi. Anche perché il sovraffollamento è spesso dannoso alla conservazione degli oggetti in esso contenuti.

Il museo non offre solo un piacere fatto di elementari emozioni visive, ma offre anche un arricchimento culturale fatto di conoscenza.

Il museo non deve sorprendere o attirare visitatori con effetti speciali o continui nuovi allestimenti, perché sono solo le opere d’arte in esso contenute ad essere le assolute protagoniste. È  il contenuto del museo che insegna e arricchisce di emozioni estetiche e culturali, non il contenitore o l’allestimento.

In attesa di approfondire questi concetti e di leggere le nuove normative sulle domeniche gratuite indicate dal nuovo ministro dei Beni culturali, per il momento ribadiamo, con convinzione: il museo non è un luna park, per fortuna.

 

 

CC BY-NC-ND 4.0 Un museo non è un luna park… by Paese Cultura is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Francesco Onnis, curatore di Paese Cultura

Laureato in Conservazione dei beni culturali. Scuola di Specializzazione in Storia dell'arte moderna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie per il proprio funzionamento e per migliorare l'esperienza utente. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi